16 Aprile 2020 UrloCom

Marketing: quando la scelta di un colore può fare la differenza

Le teorie scientifiche della psicologia dei colori, esistono ormai da decenni. 

Gli esperti del settore, sanno benissimo quanto la scelta di un colore possa fare la differenza.

Il colore influenza stati d’animo, scelte personali dell’acquisto; crea benessere o disagio.

Adesso guarda questo esempio:

articolo-colore-uomo-cravatta

Qual è l’uomo che ti ispira più fiducia, più onestà?

Basandoti solo sull’aspetto esteriore, chi dei due voteresti alle elezioni? Oppure, chi dei due assumeresti?

Secondo la maggioranza, secondo le statistiche e le percezioni sensoriali basate sulla psicologia dei colori, probabilmente, sceglierete l’uomo con la cravatta blu. 

Indovinato? 

Quando la scelta di un colore può fare la differenza: magia? No, semplice “psicologia dei colori”

Il blu è il colore della pace, della fiducia, della pulizia, della tranquillità. 

E’ un colore molto utilizzato dalle aziende in quanto trasmette professionalità. E’ indicato anche come abbigliamento per presentarsi ad un colloquio. 

Quello sopra presentato, è solo un esempio: tutti i colori trasmettono sensazioni e, quindi, portano a decisioni – che riguardino l’acquisto o altro – diverse. 

L’importanza dei colori per rappresentare il proprio Brand

Appurata l’importanza dei colori nelle decisioni dell’utente finale, è impossibile trascurare un dettaglio fondamentale come la Brand Identity, caratterizzata anche dalle scelte cromatiche.

Scegliereste mai il rosa per sponsorizzare una schiuma da barba? Certo che no.

Soprattutto per l’acquisto sul web, tutto ciò che si percepisce con la vista, ha un valore ancora più ampio. A differenza dell’acquisto in un classico punto vendita, l’online si basa sulla semplice percezione visiva: tutto ciò che viene rappresentato è l’unica realtà constatabile. Il tatto non esiste, l’olfatto neanche: due sensi in meno fanno ampiamente la differenza, meglio dare il massimo su quello che abbiamo a disposizione.

Quindi, di cosa bisogna tener conto quando si fa questa scelta determinante? 

Di seguito ti riassumiamo il significato generale dei colori principali.

Rosso: il rosso è un colore energizzante, un colore ricco di significati forti, potenti. Determina “l’urgenza”, tanto è vero che può accelerare il prendere decisioni. E’ il colore dell’amore, della passione, dell’eros; ma anche delle guerre e del sangue. 

Giallo: il giallo è per antonomasia un colore allegro, sgargiante, comunicativo. E’ il colore del sole, delle belle giornate, dell’entusiasmo. Bisogna prestare molta attenzione alle tonalità: quelle troppo chiare o poco definite, potrebbero trasmettere sensazioni non del tutto positive.

Arancione: l’arancione è, come il giallo, un colore allegro. Con un colore del genere vengono dati messaggi positivi, relativi alla salute, all’altruismo, al buon umore.

Verde: il verde è senz’altro il colore meno definito. Ha molteplici significati, diversi tra di loro, totalmente opposti. Il verde è il colore della speranza, dell’eco sostenibilità, del verde, della natura, del “bio”. D’altro canto, è anche il colore del denaro (infatti è molto usato dalle banche). Un altro aspetto da considerare di questo colore è che rappresenta anche l’invidia, la falsità e la cattiveria. Insomma, va usato con cautela!

Viola: Il viola è un colore pacato, mistico, saggio. Di per sé è un colore positivo, ma la storia ci insegna che è anche un colore che rappresenta, per certi versi, l’occulto e la magia.

 

Noi di Urlo, teniamo particolarmente alla Brand Identity: poniamo un’attenzione particolare alla cromatica, alle rappresentazioni visive, cercando di dare all’utente finale un’esperienza che lo renda parte attiva della realtà aziendale. 

Nei prossimi articoli, tratteremo l’importanza dei loghi.

, ,

LAVORIAMO
INSIEME

Incontra il lavoro di squadra per mettere in campo
capacità creative, pensieri e idee.

Studio Napoli

info@urlocomunicazione.com

+39 371 389 3598

contact-section